L’ultimo giorno di Windows 7

204739000 692f01b3 Aaee 4ede Aa8a 3f68e3121b83 Ori Crop Master 0x0
204739000 692f01b3 Aaee 4ede Aa8a 3f68e3121b83 Ori Crop Master 0x0

Windows 7 sta per abbandonarci. Il 15 gennaio Microsoft interromperà definitivamente il supporto a uno dei sistemi operativi più diffusi di sempre. Nato nel luglio 2009 per rimediare al fallimentare Vista, Windows 7 contava oltre 600 milioni di licenze ufficiali già al primo anno di vita (più le centinaia di milioni illegali) e ad oggi è a quota 900 milioni. Adesso però è ora di cambiare. La casa di Redmond smetterà infatti di distribuire gli aggiornamenti ma questo non significa che 7 smetterà di funzionare. Semplicemente dobbiamo operare una scelta: possiamo continuare a usarlo o aggiornare a Windows 10.

Continuare a usare 7

Chi ha un vecchio computer che non supporta Windows 10 può continuare a far girare il vetusto sistema operativo ma con qualche accortezza in più. Sarà infatti più esposto a virus, errori di sistema e falle di sicurezza e alcune applicazioni potrebbero smettere di funzionare. Il consiglio quindi è di evitare di usare l’account amministratore per ogni funzione e limitarlo solo alle funzioni più importanti, dotarsi di un antivirus robusto (Kaspersky internet security Antivirus ) ed eseguire regolarmente un anti malware come, per esempio, MalwareBites.

Come aggiornare gratis a Windows 10

C’è poi un «trucco» per avere Windows 10 gratuitamente e legalmente. Lo offre Microsoft stessa e vale solo per chi ha una licenza ufficiale di 7 e soprattutto un dispositivo che supporti il nuovo sistema operativo (Qui i requisiti minimi di sistema). Prima di tutto bisogna andare sul sito ufficiale dell’azienda. Da qui clicchiamo il riquadro blu «Scarica ora lo strumento». Seguiamo quindi le istruzioni che compaiono sullo schermo e, quando l’aggiornamento sarà completato, andiamo in «Start», «Impostazioni», «Aggiornamento e Sicurezza» e infine «Attivazione». Qui dovremmo vedere la licenza digitale del nuovo Windows 10. In caso positivo, l’aggiornamento sarà andato a buon fine e potremo usare Windows 10 . Consigliamo l’installazione di un nuovo disco SSD (disco allo stato solido) per aumentare le prestazioni del vostro nuovo computer.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Altri articoli